di Lucia Giorgianni

Anche dopo la separazione, il proseguimento del rapporto tra genitori e figli è un diritto fondamentale dei bambini, oltre che un diritto e dovere di madri e padri. Quando il genitore “collocatario” (nel 93% dei casi la mamma), ostacola tale esercizio, compromette diverse sfere psico-emotive del bambino, ma anche cliniche e sociali. Una problematica sempre più diffusa, vista la rilevanza del fenomeno che vede separazioni e divorzi triplicati negli ultimi vent’anni e più che raddoppiati dal ’95 a oggi, che va valutata anche al di là del punto di vista strettamente giuridico.

Annunci

Performance Multimediale di Lino Strangis

Vernissage Mercoledì  24  Maggio 2017  ore 19.00 inizio performance ore 20.00 ingresso gratuito

di Lucia Giorgianni

Che ne sarà di Città Studi? Quali le ragioni di un ormai probabile trasloco e quali quelle delle voci contro? Nel quartiere, da sempre a vocazione studentesca, l’Università Statale pensa di spostare le facoltà scientifiche nell’area ex Expo, che accoglierebbe così un importante polo universitario e il centro di ricerca Human Technopole, dedicato alla medicina predittiva, con spazi per ospitare i servizi di supporto alla ricerca

di Cristina Arduini

Eravamo rigorosissime. Esattamente alle 12.15 smettevamo di studiare, ci ritrovavamo in cucina, ci preparavamo qualcosa di veloce, tipo pomodori e mozzarella, apparecchiavamo la tavola in sala, una di fronte all’altra, ed in mezzo la RADIO. Che poi era una delle nuove radio, non quelle, enormi, che troneggiavano nelle case, ma una, come si diceva allora, a transistor, a cubo, rossa ma difficile da sintonizzare.

di Cristina Arduini

Primavera: un nome ed una promessa di cose nuove, croccanti come il pane fresco, di sole caldo, di brezza leggera, di aria pulita, di cielo terso, di uccellini che cantano e di foglie e fiori appena nati. Chi non guarda i fiori che esplodono da un giorno all’altro sulle piante? Chi non fotografa e condivide sui social network, facendo a gara a riconoscere l’albero in questione?

di Lucia Giorgianni

Il fenomeno emergente delle Social Street, oggi in espansione a livello internazionale, è nato a Bologna nel 2013 dall’idea di un giovane papà che si era appena trasferito in un nuovo quartiere del centro storico. Non conosceva nessuno e non era facile, come in qualunque metropoli contemporanea, creare in poco tempo relazioni di vicinato, trovare compagni di gioco per suo figlio, avere punti di riferimento in zona. Ecco dunque la sua idea, semplicissima eppure rivoluzionaria: aprire un gruppo su Facebook e invitare tutti i residenti a iscriversi.