di Gianmarco Cravero

Riprendo, dagli scritti di Walter Benjamin in “Piccola storia della fotografia”, brevi ma affascinanti schegge di pensiero sulla fotografia, di questo grande filosofo e pensatore tedesco del Novecento, prematuramente scomparso nel 1940.

……..e Tristan Tzara (fondatore del movimento dadaista, n.d.a.) nel 1922: quando tutto ciò che si chiamava arte era diventato vecchio e gottoso, il fotografo accese le mille candele della sua lampada, e poco a poco la carta sensibile alla luce assorbì i neri da alcuni oggetti d’uso.

Annunci

di Stefano Indovino

Finalmente. Anche per quest’anno possiamo archiviare le feste natalizie. Messa alle spalle la corsa olimpionica del regalo last minute per comprare quel piccolo pensiero utile solo per non fare brutta figura; passata la maratona dei pranzi e delle cene con i parenti che, quando va bene, sono un bel momento conviviale, quando va male ti ritrovi agonizzante a giocare a tombola, pensando al biglietto per la Lapponia che prenoterai l’anno successivo. Sembrano persino offuscate dalle innumerevoli fette di panettone mangiate le polemiche portate avanti da Salvini & Co., riprese dai giornali prima che l’emergenza smog le facesse cadere nel dimenticatoio, riguardo la necessità di preservare le tradizioni e la cultura cristiana, utilizzando come una clava iconografica il presepe.

di Flavio Caprera

In esclusiva per i lettori di Asilo

Flavio Caprera, giornalista e scrittore, nato a Polignano a Mare (BA), vive da anni a Milano, ed ha lavorato per quotidiani, magazine e radio. Attualmente, collabora con il web magazine www.jazzconvention.net. Ha scritto “Jazz”, un volume illustrato pubblicato in allegato per la rivista Panorama nel 2005. Nel 2006, ha pubblicato per Mondadori “Jazz Music” e, nel 2009, sempre per Mondadori, “Jazz 101. La storia del jazz in 101 dischi”. Nel 2014 ha pubblicato per Feltrinelli il Dizionario del jazz italiano.

Tra gli organizzatori più autorevoli e competenti di eventi dedicati al jazz ed alla musica improvvisata a Milano, Antonio Ribatti ha scelto l’Isola come suo quartiere di elezione: è proprio qui che i suoi progetti e le sue idee si materializzano e diventano realtà. Da AhUm Milano Jazz Festival al Maletto Prize, fino alla Notte Lilla e all’ultima arrivata GO OVER! Culture and Music from Europe, le costanti sono: l’Isola e programmazioni di alto profilo artistico.