AH-UM meets Europe

Musica nuova dal vecchio continente

di Antonio Ribatti

AH-UM Meets Europe è una nuova rassegna musicale ideata con lo scopo di portare all’attenzione del pubblico uno spaccato dell’attuale scena musicale e culturale europea, promuovendo in particolare i progetti emergenti e originali con la massima varietà e trasversalità rispetto ai generi e alle tendenze, ma con particolare attenzione al jazz e alla musica contemporanea.

AH-UM Meets Europe, che rappresenta ufficialmente la stagione musicale del Teatro Sala Fontana, una bella sala recentemente rinnovata all’Isola di Milano, in via Gian Antonio Boltraffio 21.

Sono Cose Delicate, Moderato Cantabile, Inside, Diminuendo… Basta soffermarsi su titoli evocativi dei quattro concerti in programma, per accorgersi della volontà della direzione artistica di tracciare la geografia di un mondo intimo, lento, non urlato, assolutamente in controtendenza con logiche di mercato sempre in cerca di clamore e di acclamazione immediata. D’altra parte la rassegna è ospitata da un teatro, luogo privilegiato di ricognizioni sul presente e dell’ascolto attento.

AH-UM Meets Europe nasce come una branca attiva di AH-UM Milano Jazz Festival che, tra le varie cose, si contraddistingue per essere il primo festival di approfondimento musicale a carattere territoriale della città, capace di trasformare il quartiere in una vera e propria casa della musica, coinvolgendo luoghi all’aperto e al chiuso di ogni genere: locali, teatri, club, ristoranti, negozi, spazi polifunzionali, gallerie d’arte, laboratori, cortili, vie, piazze…

L’obiettivo primario di AH-UM è da sempre quello di ideare e realizzare esperienze creative e performative, per ogni fascia di età, capaci di generare valore (sia economico, sia culturale), che abbiano un alto grado di ricerca e innovazione e una connotazione etica, socialmente responsabile, oltre che sostenibili dal punto di vista ambientale.

Ovviamente tutto molto ambizioso in una città che spesso fatica a dare veri segnali d’innovazione e che, normalmente, rimaneggia format importati qua e la in Europa. Ma non è questo l’ambito adatto per alimentare polemiche, torniamo alla rassegna!

2-marco-massa_phgiulia-storti

Si è aperta SABATO 22 OTTOBRE 2016 con lo spettacolo SONO COSE DELICATE titolo del nuovo album del milanese Marco Massa (www.marcomassa.com), il sesto della sua carriera. Un titolo che prende lo spunto da un aneddoto della sua infanzia legato al genio di Virgilio Savona, e indica, oltre la semplice citazione, la ricerca di una filosofia di vita preziosa, delicata, raffinatissima. È un album in controtendenza, nel quale il cantautore non fa ricorso a facili espedienti, ma riprende tutti insieme i riferimenti di una vita e li frulla in un disco che riscrive la storia di ciascuno di noi. Sul palco, con Massa, una band di altissimo livello e un ospite speciale: il chitarrista lussemburghese, Greg Lamy (www.greglamy.com), con il quale Massa coltiva un sodalizio che li vede spesso esibirsi in giro per l’Europa.

VENERDI’ 13 GENNAIO 2017 sarà la volta di MODERATO CANTABILE, straordinario lavoro discografico pubblicato dalla storica etichetta ECM, che vede protagonisti la violoncellista tedesca Anja Lechner (www.anjalechner.com) e il pianista francese Francois Couturier (www.francois-couturier.fr). L’affinità musicale tra la Lechner e Couturier è stata evidente sin dai primi concerti e registrazioni con il Tarkovsky Quartet e con questo duo concentrano la loro attenzione su composizioni di G.I. Gurdjieff, Federico Mompou e Anouar Brahem, oltre a qualche composizione originale di Couturier. Nuovi arrangiamenti, libere interpretazioni e improvvisazioni sono i punti chiave del loro lavoro di esplorazione del repertorio che si situa, metaforicamente e storicamente al crocevia tra oriente e occidente. Ne emerge un grande, delicato caleidoscopio sonoro, dove a musica catalana incontra l’impressionismo francese, i suoni della natura si mescolano alle melodie orientali, alle rimiche cicliche arabe e alle musiche per le danze sacre del Caucaso e dell’Asia Minore.

3-dock-in-absolute

Direttamente dal Lussemburgo, cuore dell’Europa, arrivano i Dock in Absolute (www.dockinabsolute.com), con Jean-Philippe Koach al pianoforte, David Kintzinger al basso elettrico e Michel Meis alla batteria, che nel corso dello spettacolo INSIDE, VENERDI’ 10 FEBBRAIO 2017, presenteranno il loro primo album pubblicato dalla prestigiosa etichetta italiana CAM records. Dock in Absolute, sono un trio di giovani professionisti con una solida preparazione maturata in ambiti prestigiosi come la Berklee College of Music di Boston, Codarts University of Arts di Rotterdam, Hochschule für Musik di Saarbrücken.  Tuttavia il loro approccio alla musica è assolutamente libero e svincolato da convenzioni che li porta ad inventare un mondo sonoro ricchissimo, somma di sperimentazioni su ogni tipo di sonorità e genere musicale. I tre suonano un jazz assolutamente contemporaneo dal quale emergono in influenze dance, pop e della migliore tradizione romantica europea.

Chiude questa prima edizione di AH-UM Meets Europe, VENERDI’ 10 MARZO 2017, DIMINUENDO, straordinario progetto del talentuoso bassista elettrico Andrea Lombardini (www.andrealombardini.it), tra i maggiori esperti del suo strumento a livello europeo. Per l’occasione Lombardini suona anche il liuto colascione (strumento rinascimentale) e chiama a se il francese Michel Godard, “voce” del trio, si alterna alla tuba e al serpentone, dei quali è tra i più autorevoli solisti al mondo, ed Emanuele Maniscalco, artista ECM, noto per le sue numerose collaborazioni con artisti norvegesi, ugualmente a suo agio al pianoforte e alla batteria. Il leader, tra i più originali bassisti elettrici in Europa, Ne risulta una musica di orizzonti ampissimi, legata sia al linguaggio improvvisativo afroamericano che a quello europeo, dalla grande varietà timbrica e dal potere evocativo ed emozionale. Un organico assolutamente originale che punta a valorizzare le diverse risorse timbriche a partire dalle composizioni originali del leader, ricche di melodie evocative tra antichi corali e musica da film.

4-andrea-lombardini-phandreaboccalini

Approfittiamo per menzionare due eventi speciali, fuori rassegna ma inserite nel cartellone del Teatro Sala Fontana.

Dopo “Il jazz italiano per Amatrice” al Parco Sempione, il mondo della musica a Milano si è mobilita ancora per il sociale e sempre per opera di AH-UM (e grazie anche all’insostituibile collaborazione di CernuscoJazz), è nato ILOVENORCIA @MILANO, VENERDI’ 16 DICEMBRE 2016. Una maratona musicale che ha coinvolto circa una trentina di musicisti che, componendosi e rimescolandosi in sei set diversi, si sono esibiti senza soluzione di continuitá per oltre quattro ore. Un fiume di note (tra jazz, soul, funk, canzone d’autore) che ha avuto lo scopo di raccogliere fondi per le popolazioni terremotate di Norcia, in particolar modo a sostegno di quanti non intendono abbandonare i territori colpiti e ricostruire in quei luoghi, la forte identitá quale era – sia fisica, sia sociale – umiliata dal sisma.

Quanti hanno reso possibile la serata (musicisti, organizzatori e collaboratori), hanno prestato la loro opera a titolo gratuito. Le offerta raccolte nel foyer del teatro e il ricavato del bar, oltre ad una quota delle sponsorizzazioni (dedotte le spese di produzione dello spettacolo) sono state interamente devoluto al Fondo I LOVE NORCIA (www.ilovenorcia.org), per un totale di € 1.672,58.

5-gabriele-boggio-ferraris-phwaltermiglio

GIOVEDI’ 13 APRILE 2017, invece, si terrà la serata ASPETTANDO MILANO OFF, dedicata alla rassegna delle arti performative (diretta da Renato Lombardo, http://www.milanooff.com), che ha sparso i suoi semi nel corso della prima edizione, realizzata nel giugno 2016. Dal 9 al 18 giugno 2017 la manifestazione torna all’Isola (diviso in tre parti: Milano In, Milano Off e Isola Festival) ancora più ricca di proposte (spettacoli teatrali, performance artistiche, concerti, mostre, dibattiti, letture, ecc.), alimentate anche da sinergie con eventi consolidati nel tessuto cittadino come per esempio il già citato AH-UM Milano Jazz Festival.

Per informazioni e prenotazioni potete contattare telefonicamente il Teatro allo 02.69015733 o scrivendo all’indirizzo fontana.teatro@elsinor.net

Vi ricordiamo, in conclusione, che sottoscrivendo gratuitamente l’AH-UM CARD si avrà diritto a sconti sul prezzo del biglietto e altre facilitazioni, oltre a essere regolarmente informati sulle molte attivitá proposte da AH-UM.