Anna Del Bo Boffino e l’ISOLA

 

di Roberta Meroni

Seduta dinanzi ad un buon tè chiacchiero con Daniela, Caterina e Sara e mi chiedono:

“A Milano dove abiti?”

all’Isola… Porta Garibaldi, Piazza Gae Aulenti…”

“Isola ..Isola dove abitava Anna Del Bo Boffino mi pare?”

“Certo dalle mie finestre vedo il palazzo dove abitò!!”

A questo punto abbiamo iniziato a ricordare…..e ricordarla.. Una domanda comune a noi tutte:

“ Perché non la si legge più? E perché i suoi libri non si pubblicano più?”

Anna Del Bo Boffino (Milano 1925 – Milano 1997), scrittrice e giornalista, acuta osservatrice del mondo, in particolare di quello femminile che la circondava, ha accompagnato molte di noi, con il suo linguaggio  diretto e originale e con la sua pratica politica per vie inedite e nuove del pensiero femminista: non teorico, ma vissuto senza eccessi ideologici e non urlato perché la misura era il suo stile esistenziale.

Non c’è questione  di cui oggi si discute che lei non abbia affrontato.

Adesso un’afa politica ed esistenziale soffoca tutte e tutti fino ad uno spasimo troppo rischioso per essere facilmente esorcizzato e tra veline, velone e tacchi 12 i percorsi delle donne sono in malinconica discesa: forse è venuto il tempo di ristampare i libri di Anna Del Bo Boffino e di rileggerli. 

Davanti a quel thè eravamo donne con età ed esperienze di studio e vita differenti.

Daniela, Caterina e Sara sono componenti del Comitato di Redazione e Scientifico di FUORIASSE OFFICINA DELLA CULTURA, rivista periodica online

(sfoglia qui il numero di luglio)

e stavano progettando un numero speciale su: RESISTENZA E DONNE.

Decidiamo di riproporre la lettura di alcune pagine di: Voi uomini,  di Anna Del Bo Boffino (Milano, Mondadori 1985), all’interno di questo numero, coinvolgendo Angela Scarparo per la presentazione.

Angela Scarparo, scrittrice e critica letteraria, che già si è cimentata con figure di scrittrici italiane del ‘900 nel suo libro Romanzi del cambiamento – Scrittrici dal 1950 al 1980, Avagliano Editore, ha accettato volentieri inserendo questa riflessione nel suo filone di lavoro che da tempo sta elaborando.

 Oggi, soddisfatta di questa piccola luce accesa su Anna, saggia e lungimirante lettrice ed interprete della società e del mondo femminile, desidero condividere con tutti voi le pagine di Fuoriasse, sperando nascano curiosità e desiderio di continuare a frequentare gli scritti sia di Anna Del Bo Boffino e sia di Fuoriasse Officina Culturale.

Annunci